• 9 settembre
    ore 19:34

    Silvio Orlando in “Missione di pace” chiude la Settimana della Critica

    News, Venezia 68ª Commenti disabilitati su Silvio Orlando in “Missione di pace” chiude la Settimana della Critica

    di Cristiana Paternò / by Cinecittà News

    “Non è un caso di nepotismo, ma semmai di ziismo”. Il buffo neologismo lo conia Silvio Orlando che in Missione di pace, l’opera prima di Francesco Lagi scelta per chiudere fuori concorso la Settimana della Critica, recita accanto al nipote, Francesco Brandi, figlio di sua sorella. Parenti nella vita, e piuttosto somiglianti, nella finzione diventano addirittura padre e figlio, nemici per la pelle. Un padre ufficiale dell’esercito e un figlio pacifista ad oltranza che si scontrano in una zona dei Balcani dove si cerca un criminale di guerra. L’attore napoletano, già Coppa Volpi per Il papà di Giovanna di Pupi Avati, scherza: “Quand’era più piccolo, Francesco mi seguiva dappertutto e già catalizzava l’attenzione generale. Ha una parlantina che cattura. Poi mi sono meravigliato perché è entrato al Centro Sperimentale senza il mio intervento. L’hanno scelto tra migliaia, insomma almeno tra mille. Io mi ripetevo ‘non ce la farà… non ce la deve fare… e invece ce l’ha fatta e adesso mi vorrebbe rubare la scena”.

    Prodotto da Donatella Botti con Rai Cinema, in uscita a fine settembre con Nomad, Missione di pace è una satira sulla guerra in cui Orlando è il capitano Vinciguerra, alla guida un manipolo di soldati buffi e ben poco agguerriti, tra cui spicca la soldatessa Alba Rohrwacher (giurata alla Mostra e quindi assente giustificata) che non vuole andare in licenza perché non ha nessuno che l’aspetta a casa. Vinciguerra è in missione nei Balcani per catturare un boia della ex Jugoslavia, suo figlio, idealista e rompiscatole, gli mette i bastoni tra le ruote, ma è il ragazzo a farci brutta figura. “La mia generazione – racconta Orlando – è cresciuta con l’incubo del golpe militare, ora invece l’esercito si è democratizzato, le cose sono cambiate”. E poi Lagi, insieme agli sceneggiatori tra cui Umberto Contarello e Filippo Gravino, ha giocato a rovesciare ruoli e stereotipi. “Il nostro desiderio – spiega un altro sceneggiatore, Marco Pettenello – era fare un film di teste vuote. Lavorare su una comicità che non è molto frequente in Italia, un po’ all’Armata Brancaleone, diciamo assolutamente demenziale”. Tanto da inserire nella narrazione le apparizioni di un Che Guevara “pigro, indolente e un po’ balordo”, ruolo affidato all’istrionico, e onnipresente in questa Mostra, Filippo Timi.

    Leggi tutto…

  • 9 settembre
    ore 13:56

    Michael & Ami Canaan Mann: padre e figlia nei campi della morte

    News, Venezia 68ª Commenti disabilitati su Michael & Ami Canaan Mann: padre e figlia nei campi della morte

    Andrea Guglielmino by CinecittàNews

    Tale padre, tale figlia. Michael Mann, considerato tra i più grandi registi viventi, ha sempre bazzicato volentieri attorno a storie di crimini, poliziotti e serial killer. Sua figlia Ami Canaan, che oggi presenta a Venezia, accompagnata dall’eminente papà, il suo Texas Killing Fields, esclusiva per l’Italia Rai Cinema distribuita da 01, interpretata da Sam Worthington, Jeffrey Dean Morgan, Jessica Chastain e Chloe Moretz, bimba prodigio di Kick Ass e Let me in, è fatta della stessa pasta.

    La pellicola, in concorso, si basa su sanguinosi fatti di cronaca avvenuti attorno a Texas City (ma è girata in Louisiana), e vede due detective accollarsi l’onere di scoprire la verità attorno a omicidi di giovani donne, di basso profilo sociale, di cui a nessuno pare interessare. Anche lo stile è quello di famiglia: secco, pulito, scolastico, corretto e chirurgico. Del resto papà Mann è anche produttore.

    “Averlo con me – racconta Ami – è stato un gran vantaggio. Essendo regista sa giostrarsi bene tra le esigenze di produzione e le scelte estetiche e artistiche di chi sta dietro la macchina da presa”.

    “Nella nostra famiglia si è sempre lavorato sodo – controbatte Mann senior – lei ha spesso assistito ai miei set e questo è diventato un fattore importante della sua vita. Ma ovviamente mette dentro anche molto di suo. E’ una donna e una madre, quindi riesce anche a entrare in un contatto più particolare con i suoi personaggi, sia i detective che le vittime”.

    Leggi tutto…

Leggi le News del giorno

ottobre: 2017
L M M G V S D
« set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031